Educazione e training del paziente. Il ruolo dell'infermiere per migliorare l'aderenza terapeutica

Educazione e training del paziente. Il ruolo dell'infermiere per migliorare l'aderenza terapeutica

“Attraverso la formazione creiamo un filo continuo con i pazienti, costruiamo una relazione che prosegue nel tempo”. Così un’infermiera dipendente di un’azienda ospedaliera racconta il ruolo educativo dell’infermiere in relazione ai Patient Support Program, nel white paper “Le nuovi professioni di supporto al paziente” curato da Italiassistenza.

Scarica il white paper

Come sta cambiando il ruolo dell’infermiere?

Perché l’infermiere è uno dei protagonisti di questa indagine dedicata alle nuove professioni? Perché il suo ruolo sta cambiando radicalmente negli ultimi anni, anche secondo i manager delle case farmaceutiche intervistati nell’indagine. L’infermiere è una delle figure chiave nel percorso di miglioramento dell’aderenza alla terapia e del rapporto con la cura. E un’ulteriore evoluzione è possibile anche grazie al potenziamento di due attività che sono già attualmente previste all’interno dei PSP: il training alla terapia e l’educazione del paziente. L’obiettivo è rendere la persona, che ha scelto volontariamente di seguire la terapia proposta dal medico in libera scelta, più consapevole e autonoma, continuando a darle il supporto professionale di cui ha bisogno.

L’importanza dell’assistenza domiciliare durante il Covid-19

Un rapporto infermiere-paziente basato sull’autonomia diventa ancora più importante nell’assistenza domiciliare. L’aderenza terapeutica migliora infatti se il paziente è parte attiva del processo di cura ed è in grado di gestire anche la terapia come uno degli aspetti della propria quotidianità. “L’autonomia nella somministrazione della cura e la consapevolezza del percorso terapeutico si sono rivelate preziose in particolare durante l’emergenza Covid-19, in cui abbiamo sperimentato anche la formazione a distanza, attraverso le videochiamate o l’uso della messaggistica, con il supporto dei medici.”, spiega l’infermiera che abbiamo intervistato.

Puoi leggere l’intervista completa scaricando gratuitamente il white paper a questo link.